Consiglio Regionale della Valle d'Aosta
Info Conseil

Comunicato n° 19 dell'11 gennaio 2017

Approvata una mozione sull'aggiudicazione di materiali di ricambio per le centrali della società CVA

Seduta consiliare dell'11 gennaio 2017

La procedura di aggiudicazione della fornitura di materiali di ricambio per le centrali della società CVA è stata al centro di una mozione presentata dal gruppo Movimento 5 Stelle e discussa nella seduta consiliare dell'11 gennaio 2017.

Il testo, che è stato approvato all'unanimità dopo una modifica proposta dalla maggioranza, impegna la Commissione consiliare ad audire entro trenta giorni, i vertici e i tecnici di CVA al fine di fornire i dati di rendimento certificati, che devono rimanere riservati, delle centrali ante l'installazione di materiale WGP e post installazione di materiale WGP e a fornire ulteriori chiarimenti rispetto alla prassi anomala di aggiudicazione della fornitura.

Nell'illustrazione, il Consigliere Roberto Cognetta ha ripercorso la vicenda ricostruita attraverso una richiesta di accesso agli atti: «La CVA nel 2012 ha indetto una gara per la fornitura di giranti di ricambio per impianti vari suddivisa in 3 lotti, il cui importo è stimato in 4.150.000 euro. A presentare l'offerta sono state chiamate cinque ditte, ma questa prassi è una forzatura, in quanto CVA, essendo in ambito europeo, avrebbe dovuto pubblicare il bando di gara e lasciare che ditte referenziate partecipassero, tenuto anche conto del fatto che l'importo supera la soglia di trattativa a chiamata. Inoltre, la gara è stata aggiudicata all'azienda WGP, dopo che è stato richiesto alla ditta Voith - che aveva formulato la miglior offerta economica e tecnica - di rivedere l'offerta perché la tecnologia utilizzata era troppo avanzata e dopo aver comunicato a WGP il nuovo importo presentato dalla Voith. C'è però un'incongruenza visto che l'offerta di quest'ultima azienda era inferiore a quella riformulata da WGP, la cui proposta non era assolutamente vicina, dal punto di vista tecnico, a quella della Voith.» Il Consigliere ha poi evidenziato che le giranti di Valpelline «hanno dato segni di invecchiamento precoce e le successive prove hanno confermato che la fornitura non rispecchia la specifica tecnica» e ha richiamato una serie di dati secondo cui «i rendimenti degli impianti a seguito di queste forniture presentano una differenza negativa. La mia richiesta è quella di avere i dati di rendimento corretti e nel caso non fossero forniti di pretendere le dimissioni di chi si è occupato di questa operazione.»

Il Consigliere dell'UVP Alessandro Nogara ha osservato che «queste tematiche sono sempre state all'attenzione del mio gruppo e ora che siamo in maggioranza continuiamo ad occuparcene. Infatti, qualche risultato c'è stato: in Commissione, anche su nostra sollecitazione, i vertici di CVA hanno ribadito che la Compagnia è uscita da WGP e ora si fanno delle gare pubbliche

Il Presidente della Regione, Augusto Rollandin, ha replicato che «riguardo alla procedura di affidamento, la gara indetta nel 2012 si è svolta senza alcuna forzatura, in quanto avviata e conclusa in base alla decisione dell'Unione europea 403 del 2010, recepita in Italia con decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri del 5 agosto 2010 che, in sostanza, esentava CVA dall’applicazione del Codice dei contrati pubblici per tutti quegli appalti che riguardano impianti che non beneficiano di incentivazioni e non godono di priorità di dispacciamento. CVA ha quindi dato applicazione al patto parasociale esistente, che prevedeva che qualora l’offerta economica di WGP “si assestasse su livelli più onerosi rispetto alle offerte presentate da competitors, CVA riconoscerà a WGP il diritto di effettuare un’ulteriore offerta che sia almeno pari al prezzo meno oneroso applicato a CVA, quale risultante dalle altre offerte ricevute, diminuito di un punto percentuale”

Riguardo ai dati relativi al rendimento delle giranti, il Presidente Rollandin ha riferito che «CVA contesta la correttezza dei dati riportati nel testo della mozione, segnalando che si tratta comunque di informazioni industriali potenzialmente riservate che non sarebbe il caso di riportare su documenti pubblici. La mozione confronta valori di rendimenti massimi di turbina con rendimenti ponderali di gruppo o con valori di rendimento approssimativi utilizzati per attività di formazione interna di CVA risalenti al 2006, pertanto il confronto, come già illustrato alla quarta Commissione, è matematicamente e concettualmente errato. CVA ribadisce la completa disponibilità a confrontarsi nuovamente in IV Commissione su documenti e dati di cui si conoscano la fonte e i metodi di elaborazione.»

Il Consigliere Cognetta ha osservato che «il contratto parasociale è valido in presenza di parità di fornitura tecnica e non come invece è accaduto dove le offerte tecniche erano diverse, altrimenti c'è qualcosa che non funziona. Sulla questione del rendimento, i dati non sono stati forniti alla Commissione, tuttavia c'è da rilevare che le giranti dopo due anni sono state sostituite. La documentazione è arrivata da CVA, ma io voglio conoscere i dati sul rendimento.»

Il Consigliere del Gruppo Misto Elso Gerandin ha aggiunto che «è dovere di CVA fare chiarezza su questo tema. Riguardo ai criteri di aggiudicazione, questo sistema fa sì che non ci sia più nessuno che partecipa alle gare anche perché l'accordo parasociale toglie ogni possibilità di prendervi parte. La sensazione è che WGP fosse stata creata ad arte proprio per non dover sottostare al Codice dei contratti

Il Capogruppo di ALPE Albert Chatrian ha annunciato il voto favorevole: «Innanzitutto perché dobbiamo avere contezza di quanto succede nella società pubblica; secondo perché l'abc di una società controllata deve essere quello della trasparenza e dell'efficacia, cosa che invece non è successo. Le zone d'ombra aumentano riguardo all'azione gestionale della CVA. Chiedo al Consiglio di votare questa mozione perché è importante verificare attraverso dati oggettivi che le scelte compiute siano giustificate perché portano a risultati positivi

Dopo una sospensione richiesta dal Consigliere Nogara dell'UVP per una riunione di maggioranza, è stato depositato un nuovo testo di modifica dell'impegnativa della mozione che è poi stato approvato all'unanimità.

SC